11
292

1 consiglio per la chitarra acustica elettrificata tra Yamaha, Fender, Ibanez, Eko e Martin

Quando si parla di chitarre elettrificate se non si è esperti è possibile scegliere un modello sbagliato che non ci permetterà di mettere in risalto quelle che sono le nostre doti.

Se siamo completamente principianti allora sarà bene aprire questo articolo  che sarà in grado di farci vedere le differenze tra modelli economici che sono ottimi per iniziare a suonare.

In questo articolo toccheremo con mano tanti modelli diversi ma certamente straordinari come la Fender 0930307006 SA-105CE in acero, quindi molto robusta.

Se ci si vuole abbandonare alla resistenza ma anche alla indubbia qualità del suono allora non possiamo non pensare alla qualità della MARTIN 000X1AE.

Se invece vogliamo regalare un modello in abete con un sobrissimo colore nero allora sarà bene pensare alla  Eko Ranger CW EQ Black.

Ci sono tante persone che vogliono restare sul classico e comprare la versione elettrificata del modello più venduto di sempre come per la Yamaha FX310, una chitarra folk che fa certamente la differenza.

Yamaha

Perché dovresti scegliere una chitarra Yamaha?

Perchè stiamo parlando di uno dei migliori marche al mondo e se vogliamo ragionare su tutti gli studi che hanno fatto sulla posizione del polso e sulla ritmica non possiamo non pensare che siano in grado di produrre delle chitarre eccellenti che sono in grado di avere super prestazioni.

C’è anche un grosso range di scelta, anche se poi noi ci siamo soffermati su un modello in particolare che è quello più venduto.

E poi io sceglierei questo tipo di chitarra perché anche se la qualità è davvero eccellente i prezzi non sono mai eccessivi. Sarà anche dovuto al fatto che è leader nella vendita e quindi può permettersi di tenere i prezzi più bassi visto tutti i pezzi che riesce a vendere intorno al mondo.

Una persona sceglie una chitarra Yamaha perché:

  • sono eccezionali dal punto di vista delle prestazioni. Il loro design e anche i materiali di qualità superiore fanno delle chitarre, anche quelle da studio, Yamaha, le migliori che si possono trovare in quel range di prezzo. 
  • sono dotate di un sacco di accessori. Infatti abbiamo accordatori, borse da concerto, custodie rigide, metronomi. Ovviamente con tutti questi gadget sarà molto più facile suonare e sarà anche più facile trasportare gli strumenti da una parte all’altra. 
  • sono strumenti affidabili. Difficilmente una chitarra Yamaha potrà essere raffazzonata o con un difetto di fabbrica. Ed è proprio per questo tipo di servizio che un cliente difficilmente abbandonerà quella che è la sicurezza di questo tipo di chitarra per un altro tipo di chitarra allo stesso prezzo ma meno resistente.

Yamaha FX310, Chitarra Folk Elettrificata

Sale
Yamaha FX310, Chitarra Folk Elettrificata
1 Valutazioni
Yamaha FX310, Chitarra Folk Elettrificata
  • Versione elettroacustica del modello F310, il più...
  • Lati e retro in meranti
  • Tavola armonica in abete e collo in acero
  • Tastiera e ponte in palissandro
  • Con finiture brillanti

Questo è uno dei modelli che ha fatto la storia della Yahama e che, nella versione acustica non elettrificata, è tra tutti il modello più venduto al mondo.

Questa è una chitarra folk con tavola armonica in abete e collo in acero e ha un colore tra il giallo e il beige che è tipico di questo tipo di chitarra.

La robustezza del corpo accoppiato a delle corde morbide non può non dare un suono pieno e brillante che poi è quello che cerca ogni musicista, anche alle prime armi. Le finiture sono brillanti e la cassa ha la possibilità di inserire un pickup all’interno che serve ad elettrificare.

Non possiamo non considerare questo modello uno dei più venduti in assoluto, sia per studio che per qualcosa in più, a un prezzo più che accessibile, visti i materiali usati di prima qualità, di circa 260 euro.

  • bella da vedere
  • robusta
  • corpo in abete
  • collo in acero
  • suono pieno
APPROFONDISCI

Fender

Fender 0930307006 SA-105CE Chitarra acustica elettrificata Dreadnought a spalla mancante, colore: nero Full 4/4 Sunburst

Corpo in mogano e manico in acero per questa bellissima chitarra da accompagnamento dal prezzo più che economico di circa 130 euro.

Fender è un marchio che ha fatto la differenza negli ultimi 60 anni del rock e sia nella fabbrica americana che in quella messicana ha sfornato le chitarre più famose al mondo. 

Non possiamo non considerare il suono più che equilibrato così come non si può parlare della leggerezza della costruzione che la rende perfetta per chi ha voglia di imparare a suonare su una chitarra che ha un suono limpido, che ha dei bassi corposi ma che al tempo stesso non è così pesante da trasportare.

E’ una chitarra per destrorsi e le corde vanno accordate, almeno all’inizio, ogni 12 ore. Poi è tutto variabile, anche un po’ di umidità può rendere il suono più o meno intonato. 

La finitura lucida è molto apprezzata da coloro che l’hanno già acquistata, meno il suono un po’ metallico che resiste se non ci si decide a un cambio corde di qualità maggiore. 

  • suono pieno
  • bassi corposi
  • finitura lucida
  • corpo in mogano
  • costo economico
APPROFONDISCI

Fender Newporter Player, Noce Fingerboard, Olive Satin

Circa 330 euro per un modello che non ha solo un suono eccellente ma ha anche un design da urlo e questo è quello che fa la differenza tra questo tipo di chitarra e un altro che non possiamo non considerare più da principianti.

Già il manico in noce e questo color oliva fanno sì che questo tipo di chitarra non solo costi di più ma sia ancora e comunque una chitarra migliore della precedente e con un costo che è quasi il triplo.

Non la consiglio per un ragazzo che ha appena iniziato a suonare, questo è un modello da concerto, da una persona che ha voglia di farsi notare anche solo per la bellezza satinata del corpo della propria chitarra.

  • bella da vedere
  • super design
  • color oliva
  • costo sostenuto
  • chitarra da palco
APPROFONDISCI

Ibanez

IBANEZ – Chitarra acustica elettrificata a spalla mancante

IBANEZ - Chitarra acustica elettrificata a spalla mancante
1 Valutazioni
IBANEZ - Chitarra acustica elettrificata a spalla mancante
  • inserisci il tuo numero modello COSÌ DA ESSERE...
  • corde: 6 corde
  • FORMA DEL CORPO: livello
  • COSTRUZIONE/acustici: Laminati
  • colore / finitura: Nero

Questa è una chitarra di marca Ibanez, altra chitarra molto famosa per gli appassionati delle acustiche, che costa all’incirca 300 euro e ha il corpo in mogano con la tastiera in palissandro. 

Molto robusta, a 6 corde, colore nero molto elegante in ogni occasione. Questo è un prodotto molto elegante, al tempo stesso super resistente e ha un suono corposo, come tutte le chitarre Ibanez che riescono a non essere molto acute ma sono perfette come accompagnamento.

  • colore nero
  • costo di circa 300 euro
  • corpo in mogano
  • tastiera in palissandro
  • spalla mancante
APPROFONDISCI

CHITARRA ACUSTICA ELETTRIFICATA IBANEZ PF15ECE NT CON AMPLIFICATORE LANEY LA15C

Questa è un’offerta molto interessante per coloro che già sanno suonare e hanno voglia di una chitarra che possa essere usata, da subito, su un palco.

Infatti in questo caso abbiamo, nel prezzo di circa 300 euro, anche un piccolo amplificatore per capire, da subito, grazie al cavo che è altrettanto in dotazione, subito quelle che sono le potenzialità di questo tipo di modello. E non possiamo non essere felici di poter avere, a un prezzo accessibile, un kit completo per suonare facilmente.

  • acustica elettrificata
  • kit completo
  • cavo
  • amplificatore
  • fodero
APPROFONDISCI

Eko

Eko Ranger CW EQ Black – Chitarra Acustica Pre-Amp Elettrificata, Colore Nero

Eko Ranger CW EQ Black - Chitarra Acustica Pre-Amp Elettrificata, Colore Nero
6 Valutazioni
Eko Ranger CW EQ Black - Chitarra Acustica Pre-Amp Elettrificata, Colore Nero
  • Modello: Ranger CW EQ Blue Sunburst VAN-3L Forma...
  • Fondo: Linden Fasce: Linden Attacco del manico:...
  • Tastiera: South American Roupanà Segnatasti:...
  • Scala: 653 mm. Capotasto: Plastica Selletta:...
  • Binding Body: Multistrato Preamplificatore: EKO...

Questo è un modello della Eko decisamente economico, costa all’incirca 140 euro. Ed è molto bello da vedere ed è perfetta per tutti coloro che hanno intenzione di iniziare a suonare su una chitarra decisamente robusta ma al tempo stesso molto semplice da usare.

Questa chitarra ha il top in abete e le fasce in tiglio, il manico invece è in betulla. E va anche detto che non possiamo non sostenere che questa chitarra sia praticamente indistruttibile ma che resti una chitarra molto elegante anche per coloro che imparano a suonare da qui. 

Consideriamola comunque una chitarra per coloro che iniziano a suonare, così che si possa iniziare comunque alla grande.

  • super robusta
  • top in abete
  • fasce in tiglio
  • manico in betulla
  • costo economico
APPROFONDISCI

Chitarra acustica amplificata blue sunburst Eko NXT 018 cw eq.

Stiamo parlando di un modello un po’ differente da quello di prima, sempre per principianti ma più bello da vedere, con un colore blu della cassa armonica che è in grado di fare la differenza, questo è più che chiaro.

Parliamo sempre di una chitarra Eko, con il top in abete, le fasce e il fondo in agathis e il manico in mogano. La tastiera è in palissandro e questo rende tutta la chitarra decisamente equilibrata anche per essere suonata in piedi. Il manico è molto comodo e quando si amplifica la chitarra il suono che ne esce è sporco come una chitarra elettrica.

Buona qualità generale con un suono versatile che permette di usarla in diverse situazioni differenti e su canzoni e ritmi completamente differenti. 

  • resistente
  • blu
  • top in abete
  • fasce e fondo in agathis
  • manico in mogano
APPROFONDISCI

Martin

MARTIN 000X1AE Chitarra Acustica Elettrificata SerieX

Quando si parla di Martin come marca e di una chitarra prodotta da questa azienda non stiamo parlando di una chitarra come tutte le altre ma di una chitarra per un esperto che ama una chitarra fatta benissimo, costruita con attenzione, leggera e dal suono perfetto.

In questo caso abbiamo una chitarra da circa 900 euro che suona come una chitarra da 4000 euro e che è in mogano e abete e ha la tastiera in micarta. Ovviamente stiamo parlando di un modello eccellente, per coloro che suonano davvero o che hanno voglia di iniziare su un modello al top.

  • top di gamma
  • chitarra costosa
  • mogano e abete
  • manico in micarta
  • suono eccezionale
APPROFONDISCI

MARTIN LX1E Chitarra Acustica Elettrificata Mini

MARTIN LX1E Chitarra Acustica Elettrificata Mini
  • guitarra
  • bajo
  • acustica
  • gmalx1e
  • little

Questa chitarra da viaggio è un modello molto acquistato perché più piccolo e quindi più trasportabile. Infatti è chiamata anche “little Martin” ed è uno strumento di piccole dimensioni con tutte le caratteristiche di una chitarra a grandezza normale. 

Parliamo di una chitarra che costa circa 730 euro e che è in abete massello e palissandro ed è perfetta anche per un bambino che vuole iniziare o per chi ha le mani piccole, oltre che per chi ama viaggiare spesso e continuare a suonare. 

  • costo elevato
  • chitarra mini
  • abete massello
  • palissandro
  • suono fantastico
APPROFONDISCI

Come scegliere la tua prossima chitarra acustica elettrificata

Chitarra Acustica Elettrificata in azione

Ovviamente quando si scegliere uno strumento bisogna sempre pensare alle caratteristiche che vogliamo abbia e anche alle nostre esigenze rispetto allo strumento stesso. 

Possiamo parlare di una buona chitarra acustica elettrificata probabilmente solo dopo avere preso la chitarra tra le mani, sentito vibrazioni e suono e anche il feeling che si crea con quello che è il nostro corpo e il nostro modo di suonare.

E capiamo anche perfettamente questa cosa on line non sia possibile e che probabilmente dovremo fidarci di quelle che sono recensioni oneste e poi se non si è soddisfatti si può sempre rimandare indietro!

E’ lo stesso motivo per cui a volte, molti di noi, si trovano meglio ad acquistare in un negozio di strumenti musicali. Perché si può toccare la chitarra e di solito il negoziante è un esperto che ci può indirizzare verso questo o quello strumento. 

Ma non tutti hanno il tempo di scegliere la chitarra in un negozio, non tutti abitano in una zona in cui c’è un negozio di strumenti.

Cercheremo, quindi, noi di darvi i consigli più giusti per acquistare questo o quello strumento sempre basandoci su quella che è la nostra esigenza principale, il nostro modo di suonare e anche il modo in cui è stata costruita la chitarra, che è anche un’altra cosa fondamentale a cui pensare.

Moltissimi di noi pensano che uno dei motivi per acquistare o meno una chitarra sia la cassa armonica.

Ci sono quelle definite standard che hanno la parte inferiore un po’ più ampia rispetto a quella superiore.

In questo caso i suoni sono, di solito, più acuti.

Questo è quel tipo di chitarra per quel musicista che ama, in particolare, sbizzarrirsi con gli assoli.

Poi c’è il modello  Dreadnought.

In questo caso non abbiamo una cassa armonica standard e non ha quella forma a 8 a cui siamo abituati. In questo caso è una chitarra perfetta per l’accompagnamento perché ci sono parecchi bassi che riempiono il suono.

Con il modello Jumbo si torna a quella che è la forma a 8 ma le dimensioni sono molto più grandi rispetto a quelle di una chitarra standard. Anche in questo caso abbiamo dei super bassi che sono perfetti per accompagnare.

Un modello a parte, ancora, è il cut-away. Questo è uno strumento tagliato alla giunzione con quello che è il manico. In questo caso gli acuti sono molto più facili. 

Anche il manico fa la differenza e dovrebbe essere ispezionato molto più spesso di quanto siamo abituati a fare, su questo non c’è nulla da dire. 

Infatti abbiamo uno strumento come la chitarra che pochi di noi studiano ma che va osservato, maneggiato e studiato invece in tutte le sue caratteristiche. 

Un buon manico deve essere scorrevole, preciso e intonato. Va verificata la distanza tra le corde e il manico e anche se il manico è adeguato alla grandezza della mano del chitarrista. 

I manici possono essere a scala lunga o a scala corta.

Nel primo caso abbiamo 14 tasti, nel secondo 12 tasti. 

Quella che è la lunghezza della scala incide, sicuramente, sulla tensione delle corde che se è corta la scala hanno minor tensione, invece se è lunga ne hanno di più. 

Anche la qualità dello strumento è una cosa che ci può far scegliere questa o quella chitarra. Infatti più la fattura è notevole più il prezzo sale. 

In questo caso è chiaro fare il solito discorso su quanti soldi abbiamo e quanti soldi vogliamo spendere perché è decisamente chiaro che se abbiamo la possibilità di spendere soldi allora possiamo scegliere un modello decisamente più articolato e più rifinito.

Se invece non abbiamo tanti soldi e non abbiamo di certo voglia di lavorare poi tanto sulla scelta di un modello costoso anche perché abbiamo iniziato a suonare da poco e quindi va bene anche uno strumento di battaglia allora la nostra scelta sarà, più che certamente, completamente un’altra.

In questa seconda parte dell’articolo vi presenteremo i modelli che più ci hanno colpito, tutti di marche più che conosciute nell’ambiente musicale.

Ci siamo fidati della nostra esperienza personale e anche di quelle che sono state le recensioni che abbiamo trovato in giro sul web.

Ribadiamo il concetto che ogni scelta sia personale ma, in alcuni casi, non possiamo non pensare al fatto che possiamo fidarci del giudizio di persone che ne sanno più di noi e che suonano da molto più tempo di noi che, nella maggior parte dei casi, a questo mondo ci stiamo affacciando da poco.

Chitarra acustica elettrificata: come funziona

Come funziona una chitarra acustica elettrificata? Telo spiego in questo articolo

La chitarra acustica elettrifica è, nettamente, una chitarra acustica dotata di un pickup elettrico che permette, appunto, la sua elettrificazione. Questa si può avere anche con un microfono ma non è quello di cui ci occuperemo noi.

Questo tipo di chitarra può essere indicato anche con una chitarra acustica plug-in che è in grado di collegare quella che è la scheda audio senza che ci sia bisogno di microfoni.

Questo tipo di chitarra si può utilizzare in una varietà di generi musicali in cui il suono che vogliamo è quello di una chitarra acustica, soprattutto se vogliamo più volume, soprattutto in quelle che sono le esibizioni dal vivo. 

Questo tipo di chitarre sono dotate di un pickup piezoelettrico che ha bisogno di un preamplificatore che è incorporato nella chitarra per amplificarla prima che vada verso l’amplificatore quello principale. 

Un dipinto risalente al 13.000 a.C nella grotta di Trois Frères in Francia rappresenta quello che alcuni ritengono sia un arco musicale, un arco da caccia usato come strumento musicale a corda singola, probabilmente il primo strumento a corda nella storia musicale.

Dall’arco musicale, questo prima arco, si sono sviluppate tutte le famiglie di strumenti a corda.

Partendo da una corda singola si è scoperto che ogni corda suonava una singola nota, quindi aggiungendo corde si sono aggiunte nuove note, creando arpe, cetre e lira

Un’altra innovazione avvenne quando l’arpa di prua fu raddrizzata e fu usato un ponte per sollevare le corde dal collo a bastone, creando il liuto.

Gli scavi archeologici hanno identificato alcuni dei primi strumenti a corda nei siti della Mesopotamia antica, come le cetre di Ur, che comprendono manufatti di oltre tremila anni fa. 

Lo sviluppo degli strumenti a lira ha richiesto la tecnologia per creare un meccanismo di accordatura per stringere e allentare la tensione delle corde.

 Le lire con corpi in legno e corde utilizzate per pizzicare o suonare con un arco rappresentano strumenti chiave che poi portano ad arpe e strumenti a violino successivi nel tempo.

 Gli strumenti indiani del 500 a.C. sono stati ritrovati sia a 7 a 21 corde.

Gli esperti musicologi hanno presentato esempi di quella tecnologia del IV secolo a.C., guardando le immagini incise su pietra che sono sopravvissute a quello che è il passare del tempo.

La prima immagine che mostra uno strumento simile a un liuto proviene dalla Mesopotamia prima del 3000 a.C.

Durante l’epoca medievale, lo sviluppo degli strumenti varia da paese a paese. 

I rebecs mediorientali rappresentavano una svolta in termini di forma e corde, con una forma di pera con tre corde. 

Le prime versioni del violino sono emerse in Europa attraverso strumenti come il tarabuso, un precursore a quattro corde della chitarra, e i liuti di base. Questi strumenti utilizzavano il catgut (intestino animale) e altri materiali, compresa la seta, per le corde.

Negli anni del Rinascimento e del Barocco i violini e le chitarre sono diventati più coerenti nel design e sono stati più o meno simili a quello che usiamo nei giorni nostri.

La chitarra del XIX secolo è diventata più tipicamente associata a modelli a sei corde, piuttosto che alle tradizionali versioni a cinque corde.

I primi esperimenti di amplificare elettricamente le vibrazioni di uno strumento ad arco risalgono alla prima parte del ventesimo secolo.

Brevetti del 1910 mostrano trasmettitori telefonici adattati e collocati all’interno di violini e banjo per amplificare il suono.

Alcuni già nel 1920 utilizzano microfoni a pulsante in carbonio collegati al ponte ma questo faceva tornare un segnale decisamente debole.

E’ solo negli anni 40, con le chitarre jazz, che si inizia a pensare a quella che è un’elettrificazione moderna. 

Risorse:

Show Comments

No Responses Yet

Leave a Reply