13
29

Infestazione di topi in casa: informazioni utili per sbarazzarsene

Le infestazioni di topi in casa sono una problematica molto comune, di cui non bisogna avere vergogna. Può verificarsi soprattutto nelle case di campagna ma anche in terratetti, soffitte o cantine che non frequentiamo abitualmente. Per sbarazzarsene occorrerà certamente munirsi di pazienza e di alcune precauzioni e, ovviamente, dovrai installare una serie di trappole per topi nei punti strategici. Prima ancora di partire con la disinfestazione vera e propria, tuttavia, ci sono alcune cose che dovresti sapere per tutelare la tua incolumità e per far si che tu possa sbarazzarti dei topi in modo definitivo. 

Gli ambienti ideali di infestazione

L’infestazione di topi ha luogo laddove vi sia umidità, buio, cibo e acqua. In altre parole i topi iniziano a riprodursi velocemente quando trovano l’ambiente ideale per produrre tane e procreare rapidamente. Pertanto la prima vera regola per sbarazzarsi dell’infestazione riguarda l’igiene degli ambienti colpiti. Prima ancora di iniziare a ripulire tutto e a igienizzare ogni spazio dovrai capire dove si è posizionato il nucleo dell’infestazione grazie ad una serie di indizi. 

Alcuni errori di valutazione

Innanzitutto se trovi topi morti questo non significa che l’infestazione è trascurabile ma che, al contrario, ha raggiunto livelli tali di diffusione da richiedere l’intervento di una ditta qualificata. Difatti quando i topi iniziano a morire significa che sono tanti e che non tutti sopravvivono in base alle quantità di cibo che riescono a procacciare. 

La presenza di cani o gatti può aiutare ma se hai animali da appartamento che non hanno mai vissuto in modo selvatico questi non saranno in grado di aiutarti, semmai tutto il contrario. Quindi disponi della farina sulle zone in cui ritieni che sia collocata l’infestazione e controlla se, qualche ora dopo, si paleseranno le piccole impronte che testimoniano il passaggio dei topi. 

Consigli per contrastare l’infestazione

I roditori tendono a seguire sempre lo stesso percorso per tornare alla tana e lo faranno lasciando una sostanza grassa e maleodorante sul tragitto oltre ad una significativa quantità di feci. La farina ti aiuterà a capire la direzione in cui si muovono i roditori e, quindi, ti darà qualche indizio su dove è collocata la tana. A questo punto inizierai a predisporre le trappole ma dovrai farlo proteggendo sempre mani, bocca e occhi. 

Arieggia, illumina e igienizza la stanza o i locali colpiti dall’infestazione e assicurati di buttare via i residui di cibo aperto e di rimuovere qualsiasi possibile sostentamento per la colonia di roditori. 

Candeggina, esche e altri deterrenti ti aiuteranno a mandarli via una volta per tutte ma se ti rendi conto che gli esemplari sono numerosi e che le tracce della loro presenza non si attenuano, meglio non correre rischi. L’ingaggio di un esperto ti aiuterà a quantificare la gravità effettiva dell’infestazione e le migliori soluzioni per liberartene in modo efficace e, soprattutto, definitivo. 

Show Comments

No Responses Yet

Leave a Reply

I accept the Privacy Policy