8
18

Pannelli fotovoltaici, il tetto rimane la scelta migliore

L’installazione di un impianto con pannelli fotovoltaici sta diventando una soluzione sempre più frequente sia tra le famiglie che tra le aziende italiane, soprattutto per gli evidenti vantaggi in termini ecosostenibili ed economici. Ovviamente per installare un impianto fotovoltaico bisogna avere gli spazi adeguati e verificare determinati requisiti.

Fondamentalmente esistono due principali tipologie di installazione: sul tetto o a terra. Nei seguenti paragrafi spiegheremo perché la prima soluzione resta sicuramente quella più indicata e vantaggiosa. Successivamente ci concentriamo sulle caratteristiche che devono avere i pannelli fotovoltaici in base alle proprie esigenze e alla struttura architettonica della casa e quali sono i vantaggi.

Meglio installare i pannelli fotovoltaici sul tetto o a terra?

L’installazione di una tettoia fotovoltaica è la soluzione più frequente ed anche più vantaggiosa da un punto di vista economico. L’inclinazione del tetto offre una perfetta esposizione ai raggi solari ed i pannelli consentono di recuperare in pochi anni i soldi spesi per l’acquisto dell’impianto.

Il tetto fotovoltaico può essere “plasmato” a seconda delle specifiche necessità. Se infatti sul tetto non è presenta una copertura a tegole, i moduli fotovoltaici possono essere integrati direttamente nella struttura portante. Se invece vanno posizionati sopra le tegole, hanno bisogno di un telaio capace di sostenerli in totale sicurezza.

È importante che i pannelli siano esposti a sud senza ombreggiamenti, alberi, antenne o comignoli che possono ostruire l’assorbimento dei raggi solari. Al momento dell’installazione di un impianto fotovoltaico è quindi consigliabile rivolgersi ad un’azienda esperta del settore, come Kennew, che dopo un sopralluogo sul posto saprà fornire la soluzione migliore.

Un’altra possibile soluzione è installare i pannelli fotovoltaici a terra, ma le difficoltà in tal caso si moltiplicano. Innanzitutto c’è bisogno di uno spazio ampio, come un giardino o un terreno, dove appunto collocare l’impianto. Da un punto di vista estetico un impianto fotovoltaico a terra non è il massimo, anzi rischia di deturpare in maniera significativa l’ambiente circostante. Inoltre l’impianto fotovoltaico a terra non consente di accedere a detrazioni fiscali molto alte. In conclusione i pannelli fotovoltaici sul tetto rappresentano sicuramente la soluzione migliore.

Come scegliere i pannelli fotovoltaici: monocristallini o policristallini?

I pannelli fotovoltaici si distinguono in due grandi famiglie: monocristallini e policristallini.

I pannelli monocristallini hanno una colorazione quasi del tutto nera e le celle del pannello nascono da un cristallo di silicio e sono orientate nella stessa direzione. In questo modo si aumenta la produzione di energia soprattutto quando la luce cade in maniera perpendicolare sul pannello. Questa soluzione è indicata quando l’irraggiamento dell’immobile non è perfetto.

I pannelli policristallini hanno invece celle di colore più chiaro e sono composti da cristalli di silicio orientati diversamente. Grazie a questa particolare caratteristica sfruttano meglio la luce solare incamerata nell’arco di una giornata intera. Questi pannelli sono ideali per edifici orientati a sud con un’inclinazione dei tetti pari a circa 20-30°.

Entrambe le soluzioni sono valide sia per abitazioni private che per aziende, ma ovviamente la scelta dipende dalle caratteristiche di ogni singolo stabile.

Le caratteristiche da tenere a mente

Al di là della tipologia di pannelli fotovoltaici scelti, è necessario scegliere prodotti che rispondono agli standard europei con tutte le certificazioni necessarie. Naturalmente devono essere pannelli di qualità, capaci di resistere agli agenti atmosferici per durare a lungo ed assemblati presso stabilimenti certificati ISO 3001 e ISO 14001.

Nelle zone dove nevica spesso è consigliabile scegliere pannelli fotovoltaici a carico statico, capaci cioè di resistere alle forti nevicate ed alle raffiche di vento. A differenza di quanto si pensa, i pannelli fotovoltaici assicurano prestazioni ottime anche nelle zone fredde. L’importante chiaramente è scegliere i modelli adatti alla propria zona e valutare le temperature minime e massime che riescono a tollerare.

I principali vantaggi dei pannelli fotovoltaici

Il principale vantaggio dei pannelli fotovoltaici è di natura ecologica, poiché viene prodotta energia pulita e derivante da una fonte naturale come il sole. L’energia viene quindi prodotta “in loco” e non deve essere importata da altre regioni o paesi, situazione che riduce l’impatto ambientale del trasporto.

L’energia solare è disponibile tutti i giorni dell’anno, anche in quelli nuvolosi, e gli impianti possono essere montati senza problemi sia su case private che su ditte, uffici ed aziende. Dai vantaggi ecologici a quelli economici il passo è breve, poiché le bollette energetiche sono decisamente più leggere e garantiscono un taglio del 20% della spesa media di una famiglia.

Qualcuno potrebbe obiettare che i prezzi di un impianto fotovoltaico sono troppo alti e non sostenibili. In realtà il costo dei pannelli fotovoltaici, rispetto a qualche anno fa, si è ridotto notevolmente e con ogni probabilità continuerà a scendere in futuro. Inoltre l’investimento iniziale può essere tranquillamente recuperato nel giro di pochi anni.

Infine gli impianti di ultima generazione prestano grande attenzione anche al design, che risulta particolarmente raffinato e ricercato soprattutto nelle zone residenziali.

Show Comments

No Responses Yet

Leave a Reply